Stagione Culturale 2016-2017

Anche per la prossima stagione, l’offerta culturale è organizzata per “contenitori” tematici e metodologici che declinano proposte che attraversano la più che trentennale attività dell’associazione con altre del tutto nuove.

 

 

L’area letteraria propone Il Sole e la Luna (XVIII Edizione); i  Caffè Letterari (X Edizione); Letteratura Viva (II Edizione); I Giochi Poetici (IV Edizione) e Cortometraggi di parole (I Edizione).

 

Significativi, inoltre, per la loro trasversalità, i progetti di spettacolo, tutti ispirati ai valori che contraddistinguono la proposta culturale dell’associazione:

Due gli spettacoli sulla donna: Immagine e ruolo della Donna nel Novecento e L'altra metà del cielo (sui femminicidi); uno sui valori del Natale: Suoni & Versi del Natale; uno di carattere storico-letterario: Tanto poi ci rivedremo e due che prendono avvio dalla poesia: Poetiamo, dunque siamo e Note di Poesia: Le Quattro Stagioni (costruzione di uno spettacolo partendo dai testi poetici degli Autori partecipanti ai Caffè Letterari, appositamente musicati ed interpretati con figure di danza).

 

L’area della storia è rappresentata da Storia Viva (II Edizione), con mostre e serate di approfondimento e dall’intenso programma della Festa ‘d Turin (XV Edizione) che propone: Torino negli anni dell'assedio del 1705-1706; Vijà 'd Poesìe Piemontèise për arcordé j'amis ch'a-j son pì nen; Percorsi obbligati: la Torino dei Borghi di Alessandro Novellini; La Torino delle fabbriche; Fior dël pavé ëd Luis Valsoan, primo poeta-operaio in Lingua Piemontese; La Torino di Guido Gozzano e Amalia Guglielminetti.

 

Rientrano nell’area degli approfondimenti culturali e di attualità gli appuntamenti di Agorà, uno spazio aperto di confronto e libero scambio di idee e argomenti, per dare voce sia a temi di valenza prevalentemente culturale, come la poesia e la letteratura in genere, l’arte e la presentazione di libri, con temi che maggiormente si richiamano alla società ed alla vita di una comunità.

 

Gli eventi, in prevalenza programmati presso la Saletta Vigone 52, sono accompagnati da un’ampia proposta espositiva, con mostre storiche (Torino 1706 a 210 anni dalla liberazione di Torino dall’assedio francese e Ungheria 1956 a 60 anni dall’invasione sovietica dell’Ungheria); archeologico- ambientali (Archeologia subacquea), artistiche (Colori del Piemonte & Colori di Poesia e Il Jazz nell'Arte); sul territorio (Il mio Quartiere, il mio Paese, la mia Città); sul tema della donna (Immagini di Donna IV), oltre ad esposizioni personali di pittura e fotografia.

 

Premialità delle eccellenze e partecipazione attiva, attraverso i concorsi e le rassegne. Cinque i premi letterari: il Premio per la Pace e la Giustizia Sociale (XXV Edizione); il Premio Letteratura d’Amore (XXIV Edizione); il Premio Kuliscioff (XXIII Edizione); il Premio Piemont ch’a scriv e le sue tradizioni (IV Edizione) ed il Premio Piemonte Letteratura (XXIV Edizione). Va inoltre ricordato Versi d’Autore (XVIII Edizione) che, oltre a costituire la conclusione de Il Sole e la Luna, laurea il Poeta dell’Anno tra i partecipanti alle serate ed i vincitori delle sezioni dedicate alla poesie dei premi letterari dell’Associazione. Infine, un premio fotografico, il Premio Chiaravalle (VI Edizione), le cui opere migliori trovano evidenza nella mostra Il mio Quartiere, il mi Paese, la mia Città.

 

Particolarmente significativo il premio Persona e Comunità (IV Edizione), nell’area del sociale, che si propone di valorizzare e premiare i migliori progetti finalizzati allo sviluppo, al benessere ed alla cura della “Persona”.

 

Vanno infine ricordati i Riconoscimenti, attribuiti per meriti riconosciuti e non per concorso. Al già consolidato Premio Musica & Territorio, si sono aggiunti nel 2016 il Premio Sofocle (Teatro); il Premio Ruffinengo (Una vita per l’Arte) ed il Premio Eydalin & Rachetto (Una vita per la scrittura). Nel 2017 verrà assegnato un riconoscimento particolarmente significativo per la sua valenza sociale, il Premio Pellizza da Volpedo, da attribuire ogni anno a migranti che, dopo aver dovuto lasciare per necessità la loro terra d’origine, hanno saputo realizzare un percorso di piena integrazione nel nostro Paese.

 

La programmazione offre una pluralità di opportunità per la scuola: Premio per la Pace (poesia; musica corale): il Premio Piemonte Letteratura (poesia su identità e territorio); Premio Chiaravalle (fotografia); Donne in Cammino (poesia; disegno e fotografia).

 

Sempre più importanti le attività formative, dai Seminari di Approfondimento e Condivisione, a valle del Premio Persona e Comunità, in varie città italiane, ai corsi (Letteratura e psicologia; Creatività ed Arte delle Immagini; Antropologia dell'Arte) e quelle di ricerca (Ricerca sul No Profit, realizzata con i dati acquisiti dalle Candidature del Premio Persona e Comunità alla IV Edizione, e quella su Arte e Società ed il valore sociale dell’arte, relativa alla III Edizione)

 


 

Anche la stagione culturale 2016-2017 viene realizzata all’insegna della collaborazione interassociativa. Fare “rete” fra associazioni è importante perché rafforza le rispettive potenzialità in un momento storico in cui scarseggiano le risorse. E’ però ancora più importante perché consente alla cultura ed alle idee di circolare liberamente. Nella nuova programmazione numerose associazioni concorrono a realizzare singoli progetti. Tra queste si segnalano; AIF (Associazione Italiana Formatori); CRAL Regione Piemonte; Istituto Salvemini (nell’ambito del Polo del ‘900); Associazione Pellizza di Volpedo; Gruppo di Volpedo; Arte Città Amica; Monginevro Cultura; CaleidoScoppio; SOMS De Amicis (Società di Mutuo Soccorso d’ambo i sessi); Associazione Due Fiumi di Settimo; Amici del Cammello di Nichelino; Società Ginnastica Medma; Scuola di danza Bella Hutter.

 

Il rapporto con le istituzioni è alla base della nostra azione culturale con vocazione sociale. In primis è stato richiesto il patrocinio della Circoscrizione 3 della Città di Torino, poiché è sul suo territorio che ha sede l’associazione.

Anche per questa stagione culturale è in itinere il riconoscimento del patrocinio da parte del Consiglio Regionale, della Regione Piemonte, del Comune di Torino. della Città Metropolitana di Torino e della Direzione Regionale del Ministero dell’Istruzione (limitatamente ai progetti che hanno un interesse per la scuola).

E poi i riconoscimenti riferiti a singoli progetti di interesse territoriale da parte della Circoscrizione 6 della Città di Torino e di altre Circoscrizioni ed Istituzione in cui hanno sede eventi sia regionali che nazionali.

 

Ernesto VIDOTTO

(Coordinatore del Centro Studi Cultura e Società)

StampaEmail